Controllo del territorio

In considerazione di un generalizzato bisogno di maggiore sicurezza chiesto dai cittadini, ancorchè la Provincia non sia il principale referente in tale settore, con il programma di governo l’Amministrazione Provinciale si è impegnata a svolgere un ruolo di stimolo e, laddove necessario e possibile, di supporto nei confronti delle istituizioni direttamente competenti e degli enti locali (comuni e unioni di comuni). Quanto sopra è stato intrapreso ed attuato in più direzioni, in primis, mediante un’opera volta a fornire alle Forze dell’Ordine strumenti teconologicamente avanzati per realizzare interventi di contrasto alla microcriminalità, attraverso la realizzazione di progetti pilota, approvati e cofinanziati dalla Regione Veneto, a seguito di parere favorevole del Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, principalmente sul fronte della videosorveglianza del teritorio. In secondo luogo, mediante l’impiego tecnico/operativo del Corpo di Polizia Provinciale (agli operatori della Polizia Provinciale è riconosciuta la qualifica di agente di pubblica sicurezza ai sensi dell’art. 5 della legge 65/86), allo scopo di fornire servizi a fini preventivi e di vigilanza, in modo coordinato con le attività delle autorità istituzionalmente competenti. La Polizia Provinciale, ad esempio, partecipa alla campagna denominata “drugs on street” che prevede posti di controllo notturno, in contemporanea con altre Forze di Polizia, per la lotta alle stragi del sabato sera.